1460 giorni

Silvio Berlusconi

Quattro anni.

A quattro anni portavo provviste sul letto della casa in montagna, facevo finta di essere un naufrago. Vedevo un mucchio di cartoni animati giapponesi e non mi andavano a genio gli altri bambini. Di lì a poco i miei mi mandarono da uno psicologo che mi faceva disegnare. Non volevo essere mollato all’asilo, tra le suore. Erano donne strane, mezze donne. Una donna è tale solo quando può esprimere la sua femminilità. Allora non lo sapevo e mi beccavo le frustate con i righelli. Una di quelle si chiamava Bertilla. Mai incontrata, in tanti anni, un’altra con un nome così.

Quattro anni

Con i compagni era una pena, cominciarono subito i primi contrasti, c’era il bullo, il simpaticone, il debole (che potevo essere io). Se volevi realizzarti come individuo dovevi per forza diventare forte. Trovavo ogni scusa per non andare. Ma i conti mi avrebbero raggiunto alle elementari. Così me ne stavo a casa, sognando di essere Spiderman (quello che non aveva le ragnatele disegnate su petto perchè troppo complicate da animare), Actarus o il Batman di Hanna e Barbera.

Quattro anni

Si, la vita poteva essere dura, ma quella di un bambino è piena di sogni e i sogni cancellano le brutture…invece la tua è la vita di un adulto, presto o tardi si spera che dovrai rendere conto a qualcuno delle stronzate che hai fatto. Intanto c’è una cifra “1460” giorni; come vorrei fosse una cifra reale. Putroppo lo so che non vedrai mai le sbarre. Non sei simpatico come credevi, neppura tanto carismatico. Se la letteratura parlerà di te lo farà in maniera analitica o magari più avanti Oliver Stone ti racconterà al mondo, in maniera simbolica, ti trasformerà in un “Doors” poco prima di crepare. Dalla tua non hai più la gioventù e quindi il coraggio, non sei più neppure un uomo, ritirato dal duello, puoi agire come un topo, come quel massone deviato che sei.

Quattro anni

Quando ho letto questo numero ho pensato a tutto quello che feci nei miei primi quattro anni, non mi viene in mente granchè. Ero troppo piccolo. Mi fa sorridere pensare che questi 1460 giorni ti sarebbero toccati proprio mentre io mi muovevo per il mondo. E sì che li hai evitati per così tanto tempo. Vedrai che se siamo fortunati te ne toccheranno altri e magari la storia zoppa di questa Italia sghemba stoccherà un colpo alla tua figura sfigurandola, negandole l’eternità.

Buona condanna ex-presidente.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...