Missile perpendicolare alla realtà

Byron Rink

Non bisogna far partire un post con dei paroloni noiosi. I segni sono in crisi. L’idea di una dottrina dei segni si organizza con gli stoici. Gli stoici sostennero le virtù dell’autocontrollo e del distacco dalle cose terrene (l’atarassia era all’estremo!) come mezzi per raggiungere l’integrità morale e intellettuale. Il suicidio razionalmente giustificato poteva attenderli alla fine. Ma è razionale giustificare l’impossibilità etica di un riscatto nella stagione dell’amoralità diffusa? E me ne fregava qualcosa prima dell’amoralità?

Mi era sempre sembrata una cosa bella. L’amoralità. L’immoralista di Gide. La rottura. L’incendio degli dei. Amavo quello che si vestiva male, quella che girava con il suo corpo a sfidare l’uomo, il lupo. Oggi vivono in me tre persone distinte. Quella che si imbarazza se si ribella. Quella che se ne sta tranquilla con i suoi ricordi d’infanzia (diciamo pure: il nerd!) e quella che cercava una via per il parnaso.

E’ per l’ultima che sono qui. Lei mi agita il sonno, mi fa pensare cose orribili, mi sposta da casa in un locale, ma non per divertimento. Lei mi vuole diverso sempre, mai sazio.

Oggi mi fa suonare in casa Coffeine or me dei Karate, come fosse la canzone del sole.  Attende il nuovo disco per urlare.  La solita possessione che se non evolve muore.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...