The Mrs of needles

Mrs of needles

Allora, è rimasto qualcuno in casa? Oppure dovremmo smettere di postare per filare in piscina? Io ormai ho l’arduo compito di inserire stralci di testi ma abbiamo quasi terminato. Allora queste righe sono per tutti quelli che dimenticano il condizionatore acceso, che sanno valutare un gelato (non quelli come me che lo assaggiano di rado!), che non si vergognano di posare seminudi nelle foto , che hanno apprezzato Grand Budapest Hotel! Sono per la bambina che gioca a Bomberman col Nes e per il tipo che ha scritto da qualche parte in rete che in un mondo più equo sarebbe andato avanti Freaks and Geeks e non Dawson’s creek. Sono per le persone deluse dal mio non trattare l’argomento Palestina. Non mi ritengo qualificato, non mi ritengo così sciocco da farlo su Facebook.

E questo finale mi ha fatto pensare ad una persona in particolare, che per tutta la campagna elettorale (passata ed europea) ha scritto qualunque insulto ad amici e nemici, polemici con il suo partito democratico. Che si era autoeletto visconte Alexis de Tocqueville, abile nel mandare stoccate ai suoi avversari grazie alla sua prorompente conoscenza della nobile arte della politica. Oggi quell’uomo ha cessato di parlare. Non si sa bene dove sia finito. Sta rielaborando il suo volto.

Lo sai che diceva sempre mio nonno, Ted? Mio nonno diceva che meno dichiarazioni fa un uomo nella vita, meno apparirà ridicolo quando dovrà ritrattare…

(Chester Rush anche noto come…)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...