I gradi dei sentimenti decrescenti

dirtyfake-live-24-aprileE poi accade che arrivano tante cose da fare, e tu non ci stai dietro. Frustrante come leggere un libro contraddittorio e non avere il modo di discuterne con l’autore. Ma l’esperienza è deludente solo finchè te ne importa, perchè vedete: ogni cosa può cessare la sua attività. Alla fine, nell’ottica della “vacca”, baco da seta ammalato che fallisce la sua modesta impresa di crearsi un bozzolo, non saremo farfalle ma solo larve guaste di whisky.

Domanda: ma le moltitudini di blog poetici che si aggregano a “C inside” senza proferir prosa, si infilano nelle lenzuola per sgraffignar parole o sono solo supinamente ammaliati da cotanta perizia?

Appunti: I Dirtyfake pare si perderanno in schitarrate metalliche questo venerdì per Cheap sound al Pierrot le Fou. Lo faranno assieme (ma sostando a turno) ad un tipo che non conoscono.

Annunci

Un pensiero su “I gradi dei sentimenti decrescenti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...