Il 30 luglio per Monterocktondo!

monterocktondo_foto_finale

Monterocktondo è un festival  che si svolge ormai da tredici anni, che ha assunto anche la struttura di un contest per band emergenti della provincia di Roma e Rieti, partendo dall’esperienza del Centro Sociale il Cantiere, storica sala prove (luogo di aggregazione e formazione giovanile, che quest’anno compie 20 anni!) in mezzo alle case popolari di Monterotondo Scalo. Qui si riunisce il nucleo organizzativo,  Fronte Sonoro, un gruppo di giovani,  uniti sotto un progetto  sociale figlio dalla Cooperativa Folias, che si occupa di organizzare questa ed altre manifestazioni culturali del territorio. Le riunioni sono aperte a tutti, chiunque può apportare il suo contributo o anche solo soddisfare la propria curiosità. Nessun evento ha scopo di lucro, lo spirito delle iniziative come il Monterocktondo è quello di una missione: diventare un mezzo di trasmissione dell’unico vero valore che rende i cittadini prima di tutto liberi e poi ricchi, dentro: la cultura.
Monterocktondo ha visto passare sul proprio palcoscenico artisti del calibro di Cristina Donà, Afterhours, Velvet, Eugenio Finardi, Giorgio Canali, Massimo Zamboni, ODP, Muro del Canto, Perturbazione, Paolo Benvegnù, e moltissimi altri, dando la possibilità a chiunque di poter accedere agli spettacoli gratuitamente. L’evento è stato pensato e realizzato da sempre con l’obiettivo di creare aggregazione e coesione sociale, soprattutto tra i giovani, attraverso il mezzo universale della cultura e dell’arte. Il Comune di Monterotondo ne è sempre stato promotore e co-finanziatore fino a quest’anno, in cui questa tredicesima edizione è stata “sospesa” per mancanza di fondi, almeno per ora. Questa decisione perciò è stata presa principalmente per impossibilità da parte della Cooperativa di provvedere da sola agli oneri del festival. La precarietà economica generale, la grave situazione dei lavoratori sociali, che ormai da più di un anno si trovano a dover rincorrere il loro stipendio come un miraggio, hanno superato la forza di volontà e inquinato lo spirito di questa festa . L’ Assessore alla Cultura Riccardo Varone ha però assicurato che nonostante le tante difficoltà  si troverà il modo di salvare il festival. Per il momento però il Monterocktondo non ha né una location né una data. Fronte Sonoro, Folias, Il Pungiglione, e Iskra, le altre cooperative sociali che già stanno svolgendo la loro campagna per sostenere il lavoro sociale riconosciuto e retribuito, hanno deciso di unirsi e rilanciare a gran voce un appello affinché l’iniziativa sia sentita dalla comunità e dalle istituzioni come un bene da preservare. Concentreranno le loro forze in una giornata in cui manifestare questo forte desiderio di trovare una soluzione per non rischiare che il festival possa rimanere solo un bel ricordo da raccontare alle generazioni future, e per spiegare la loro condizione di precarietà. Il 30 luglio in Piazza Duomo (Monterotondo) non si terrà solo un semplice presidio: una serie di interventi da parte dei lavoratori, verranno intervallati da performance acustiche “en plein air” da parte di tutti i musicisti, che da subito sposato la causa, e che hanno fatto la storia del MonterocktondoFestival, per trovare una valida alternativa ad “Un’Estate di Assordante Silenzio”. Nel frattempo è partita una piccola campagna facebook che è stata accolta con molto entusiasmo. Tanti gli artisti che con un link, uno status, un selfie, una foto, o, meglio ancora, un breve video, hanno manifestato di sostenere questo progetto, potete farlo anche voi, semplicemente scrivendo un hashtag ‪:

#‎Monterocktondo2015SHADaFare‬.

Sara Piconi

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...