Quanti anni devi avere per fregartene?

Tutti, in questi giorni, viaggiano nello spazio con le note di Williams, ma questa principessa qui, dopo Star Wars, scrisse le sue righe eastonellisiane: Sid mi guarda, oggi a pranzo e mi fa: “Hai l’aria davvero infelice”. Rimasi di stucco, che la foto di me che porto in testa è quella di una ragazza tutta brio…

ˈaɐ̯baɪt ˈmaxt ˈfʁaɪ

In pochi giorni leggo la notizia di furti di strumentazione. I Dirtyfake sanno cosa vuol dire aprire la serranda del box e trovarlo vuoto, desolato, desolante. Quel vuoto diviene anche interiore, per qualche giorno per poi lasciare spazio alla rabbia. Le persone normali non conoscono l’affetto del musicista nei confronti del proprio strumento. Sulle corde…

I gradi dei sentimenti decrescenti

E poi accade che arrivano tante cose da fare, e tu non ci stai dietro. Frustrante come leggere un libro contraddittorio e non avere il modo di discuterne con l’autore. Ma l’esperienza è deludente solo finchè te ne importa, perchè vedete: ogni cosa può cessare la sua attività. Alla fine, nell’ottica della “vacca”, baco da…

Mangia i tuoi piccoli pasti

Questo post rompe il silenzio degli ultimi giorni solo per dare voce ad un passo scritto dalla mente disturbata di Charlie Kaufman per il suo film “Synecdoche New York”. Lo faccio perchè in rete circola solo il monologo del prete che è in assoluto la cosa peggiore di tutto il film. Naturalmente la sua ovvietà…

La biscottiera della morte nera

Patti Smith ha vinto un qualche tipo di premio, io vorrei telare da qui per un pò. Leggo i miei testi, creo ansia. Ho comprato a poco “Metallo non metallo” alla fine è un disco che rappresenta qualcosa tra i miei ricordi confusi: un pò di popper inspirato ad Enzimi nel 98! Linkedin mi informa…