Noi, di nuovo live…

Magari non lo credi ma ho avuto moltissimi likes. Sono uno scrittore prolifico, mi dicono di scriverlo nel blog. Forse non lo sai ma ci sono stati oltre 13.000 individui prima di te su queste pagine e noi li ringraziamo tutti. Certo non è noto ma il 25 novembre è stato una specie di anniversario…

Sixteen Candles

Ma si, oggi il nuovo estratto dei testi verrà postato sul blog invece che su Facebook. Inseriamo pure l’eroina adolescenziale vera (a noi per fortuna non è toccata in sorte quella di Twilight!) con la sua maglietta verde. Oggi amici è il quattro agosto e i Dirty sono ancora qui a sudare ed aggiornare!  Che…

Il nuovo album dei Dirtyfake

Alla fine stiamo entrando in studio. Oggi è il primo giorno di registrazione, tocca a Recchia ed Andy. Dopo tutte le vicissitudini siamo finalmente arrivati e decisi. Questo vuol dire che ci vedrete suonare dal vivo da qualche parte tra qualche tempo. Lo so, lo so…vi aspettavate il primo giorno di saldi estivi e invece…

Io faccio ombra

Un uomo al bar di legno pontifica sui mondiali e sui regali fatti alla squadra del Brasile. Il barista lo ascolta annoiato,  si infastidisce quando il discorso diventa politico. – Che senso aveva costruire uno stadio nell’amazzonia. Duecentotrenta milioni è costato. Hai visto quanti si lamentano, muoiono di fame, li stanno a prenne a mazzate……

Grumvalski non è morto di freddo

Ho sempre curato le cover di Luca Cartolano.  Dalla prima collaborazione grafica con gli Aphorisma ormai sono passati sei anni e lui è uno prolifico, ci sono stati i Viva Santa Claus, Gli angeli che si divertono (ora Grumvalski) e Il sogno americano. Assieme ne abbiamo viste tante.  Non ricordo di aver mai scritto di…

And Holly wins!

Arrivano tardive soddisfazioni, dopo mesi in top 40 Hollywould su OurStage si piazza prima nella classifica indie rock!  Evidentemente è un pezzo che macina…retroattivamente. Ad ogni modo siamo contenti così, è bello sapere che la nostra musica stia girando in maniera indipendente da noi. Le cose belle non muoiono semplicemente perchè le vuoi disfare…

Cliffhanger

Ieri sera eravamo in studio, Reeks ci raccontava l’avventura americana, il tour e l’eccitazione delle persone. Un pubblico che “deve” supportare la band ad ogni costo. Gli americani, scannati come noi, forse di più. Ci diceva anche che se una band non fa almeno 12 date in due mesi è come se non esistesse. Quindi…