Musica dei nostri tempi

Eccoci qui, di nuovo assieme, solo per dirvi che domani partirà “Sotterranei” la nuova rubrica di Alda Teodorani qui sulla grande C. Però, visto che ci sono magari vi racconto anche qualcosa. Per esempio sul disco dei Dirtyfake che sembrava perso nei vecchi post ma che è stato ritrovato più saggio e forte di prima…

Cose umane

Allora, eccoci, eccomi e spero eccovi. Ragazzi, mi piacete. Vorrei tanto scrivere un post senza troppe polemiche ma giuro che sono in difficoltà. Mi piace tutto di voi, la vostra faccia tosta, il vostro incredibile distacco, la capacità di non affondare nella curiosità. Ho sempre invidiato queste caratteristiche. Io sono uno che si affeziona, sono…

Cammino verso l’alto

La musica del Muzak è passata, noi abbiamo trovato nuovi e vecchi amici sul campo. Una serata divertente. Sulla nostra pagina di Facebook, potrete dilettarvi con il report fotografico di Silvia Mariotti che ha catturato i momenti migliori del live: dalle riflessioni ai microfoni alle flessioni sulle tastiere, dall’estasi chitarristica alla chiamata del Bushmills. Direi…

Il segno di Caino

Già, pare che lo chiamassero proprio così: Il Segno di Caino, che con C Inside ci sta sempre bene. Ceronetti nel 2009 scrisse che “Il tatuaggio fu il segno dell’uomo in carcere, l’arte lugubre dei reclusi e dei condannati. Che sia diventato arte e fenomeno di massa senza distinzioni può indicare questo: che la carcerazione perpetua…

Usa vs UK – TumorRow

Domani sera bis della band al Caffè Latino, stavolta in veste unplugged, solo due dirty ma tanti amici ed ospiti. Sarà uno show diverso. Potete passare e fare lo stage diving; pare che il migliore di sempre sia stato fatto durante un live dei Nirvana. Pensare di battere il record non è un stimolo sufficente…

Ed Holly vorrebbe…

Si chiama  “Hollywould” il nuovo video dei Dirtyfake, nato dalla collaborazione tra Mediafake e La Perla production, girato tra Roma e Miami. L’idea era quella di denunciare la (a)normalità. Dopo una serie di aggressioni avvenute in tutto il territorio Italiano ai danni di alcune minoranze (ma non solo), peraltro minimizzate dalle istituzioni, i Dirtyfake decidono…